HOME

Casella di testo: G.T.D.
GLORIA TIBI DOMINE
 

 

 

 


  

La sigla G.T.D. sta per Gloria Tibi Domine, ovvero Gloria a Te, o Signore. Da più di una ventina di anni, da quando ho cominciato a raccogliere un po’ più sistematicamente foto e scritti, ho pensato che tutto quello che avrei fatto di positivo sarebbe stato per rendere gloria a Dio.  Forse perché sia una persona speciale?

Al contrario. Secondo i canoni del mondo io sarei nella assoluta normalità, e con in più qualche deficienza. L’eccellenza, spesso non voluta, che caratterizza alcune mie performance occasionali, testimonia che se c’è una qualche grandezza, questa non proviene da me. E’ per questo che sono convinto di dover ringraziare e rendere gloria a Dio: Gloria Tibi Domine, appunto. Anche perché nella Sacra Scrittura, nella Bibbia cioè, indipendentemente dalla fedeltà della traduzione che può essere stata fatta, si trovano delle parole, delle frasi e delle affermazioni che sarebbero valide in ogni tempo e in qualsiasi luogo in cui siano presenti esseri intelligenti e spirituali. Le vicende umane che vi sono poi raccontate, pur riferendosi a più di qualche migliaia di anni or sono, travalicano anch’esse il tempo. Il fascino straordinario di questo libro è dato dal fatto che da diversi secoli milioni di uomini di ogni razza e popolo hanno trovato in esso “parole di vita eterna”. E non sono pochi gli uomini e le donne che in virtù della Fede in Dio e nel Suo Figlio Gesù Cristo hanno dato testimonianze di straordinaria abnegazione non disdegnando di dare la propria vita in una maniera che non appartiene alla logica umana. Nella pagina successiva ho raccolto una sintesi estrema di alcuni testi biblici, che è possibile consultare cliccando sulle varie caselle. Straordinario è il valore delle affermazioni e delle vicende che vengono proposte. Ripeto, anche se si volesse depurarle da tutto quello che può essere errata traduzione o errata interpretazione, si tratta comunque di testi di un valore assoluto, che testimoniano  come l’essere umano abbia sempre cercato di proiettarsi oltre il vincolo della morte. La novità del Cristianesimo è la Risurrezione di Gesù Cristo, quale strada aperta a tutti gli esseri verso l’Eternità.