Lo so che i mie pensieri potrebbero essere sbagliati, o non valer nulla, oppure essere mal capiti o interpretati.

Tuttavia essi non vogliono essere una parola definitiva o una soluzione, quanto una via, una strada, o una proposta, per aprire la propria mente. Un modo per sviluppare quel germe e quell'anelito di grandezza che è presente in ogni essere umano; e che spinge inconsapevolmente ciascuno verso la ricerca dell'essenza di se stessi e della propria esistenza.

Ho pure scritto, infatti: “Non i miei pensieri, ma i tuoi pensieri. Non la mia vita ma la tua vita. E’ in te stesso, è in te stessa, la grandezza che inutilmente cerchi al di fuori di te. Purché tu non voglia assomigliare agli altri. Purché tu cerchi di vivere quello che sei!”.

 

                                                            

                                                                   RITORNA ALL’INDICE                    HOME