Treviso 14 settembre 2007

E’ scoppiata l’ennesima farsa italiana sulle irregolari prove di accesso alle Università. Ancora una volta, ipocritamente, si fa finta di non vedere o di non sapere che vi è, diffusa, un’illegalità in tutti i settori della vita economica, politica e sociale che non risparmia nessuno, forze di polizia e magistratura comprese (dei politici manco a parlarne!). Sono troppi i vantaggi che godono coloro - tantissimi - che in maniera brutale non rispettano la legge o i cosiddetti furbi, che più elegantemente l’aggirano o si fanno fare norme su misura.

L’unica consolazione è che non si tratta di un fenomeno italiano e che il costume si è andato diffondendo in tutto il mondo, anche nelle relazioni internazionali.

E’ una tendenza da invertire con urgenza, se non si vuole andare incontro a danni sociali, economici e politici di immensa portata. Bisogna lavorare per incentivare, premiandoli, i comportamenti virtuosi. Solo così, lentamente, si potrà interrompere la spirale di corruzione in cui siamo caduti. Uno degli effetti peggiori di questa situazione, che si trascina da anni, è che ci troviamo ad avere a livello mondiale, un po’ in tutte le istituzioni, persone che gestiscono il potere che sono sì “figli di buona donna” ma, nel contempo, sono mediocri e privi di lungimiranza. Il risultato è che invece di mettersi d’accordo per prevenire gli eventi con soluzioni innovative, essi cercano di risolvere, una volta verificatisi, gli effetti negativi dei nuovi fenomeni sociali, economici e culturali di portata globale; con soluzioni che erano appena sufficienti a limitare vecchie e note fenomenologie di carattere locale.

Abbiamo bisogno, in un mondo diventato così cambato, di soluzioni nuove e originali che non siano frutto di improvvisazione quanto piuttosto di coerenza e condivisione. Non può sussistere un ordine mondiale senza che vi siano dei rinnovati principi universali in cui tutta l’umanità si può riconoscere e che tutta l’umanità condivida; o, almeno, gran parte di essa.

Le regole hanno senso solo se condivise e rispettate; altrimenti esse diventano di ostacolo alla convivenza sociale.

 

                                                               RITORNA ALL’INDICE                             HOME