Il mio ‘68.

Per chi non lo sapesse, per ’68 s’intende quel periodo che iniziò verso la fine degli anni sessanta (1965 circa) e proseguì con diversi effetti e intensità negli anni successivi.

Nel decennio precedente, quello del cosiddetto boom economico, la vita era stata abbastanza serena e la gente, anche quando relativamente indigente, viveva sostanzialmente tranquilla. Ciascuno cercava di migliorare basandosi soprattutto sul proprio impegno personale. L’organizzazione politico-sociale era ritenuta complessivamente accettabile e non si registravano disordini, se non sporadicamente.

La situazione iniziò a cambiare in tutti gli ambiti sociali e, dalla critica costruttiva tesa a migliorare, si diffuse una contestazione fine a se stessa: andava cambiato tutto, ma le soluzioni alternative, quando presenti, erano peggiori di quelle denigrate. Ne è testimonianza il fatto che negli anni seguenti il clima socio-politico del nostro Paese non è mai stato migliore di quello del boom economico. L’Italia è cresciuta in molti settori ed è diventata una nazione moderna ed evoluta; ma la gente non ha più conosciuto la serenità e la fiducia nel futuro che visse in quel decennio particolare. 

Nel ’68 la contestazione era diventata una specie di moda, una maniera per mettere in difficoltà e scalzare chiunque avesse posizioni di potere, anche nelle scuole e nelle Università.

Soprattutto la sinistra, e in particolare il partito comunista, fomentava una parte dei giovani che, in tal modo, da una parte si svincolava dalla pesante autoritarietà dei genitori e dalla rigorosa visione della Chiesa cattolica in materia di libertà sessuale, e dall’altra intravvedeva una facile scorciatoia per soddisfare le proprie ambizioni.

E’ mia opinione che il movimento abbia provocato più danni in Meridione che al Nord d’Italia.

Nel Nord, anche se si registrarono i fatti di sangue più violenti, furono principalmente coinvolti un numero limitato d’intellettuali, sulle teorie dei quali si svilupparono poi i movimenti eversivi.

In alcune regioni del Sud, in particolare in Campania, lo spirito di contrapposizione si diffuse principalmente tra la popolazione e la gente comune che, anche senza averne titolo, contraddiceva chiunque e qualsiasi idea, a prescindere. Ho il fondato dubbio che l’odierna maggiore ingovernabilità della Campania rispetto alle altre Regioni del Nord dipenda in buona parte dai guasti del movimento contestativo.

Se si andassero a consultare le statistiche economiche, si potrebbe verificare come la Campania, ad esempio, prima del ’68 avesse un posto in graduatoria molto più elevato di quello attuale.

Nei primi giorni di aprile del 1969 tutti i partiti e i sindacati presenti a Battipaglia proclamarono lo sciopero generale. Il motivo della manifestazione fu la chiusura di diversi opifici industriali (zuccherificio, tabacchificio, impianti di trasformazione alimentare per la lavorazione dei prodotti coltivati nella zona) e il loro trasferimento al Nord. Nell’aria si respirava un’atmosfera tesa. Gli organizzatori persero ben presto il controllo della situazione.

La mattina dell’8 aprile, dall’ampio passaggio a livello che divideva Via Rosa Jemma dalla più centrale via Roma, una marea di gente, occupando tutta la carreggiata, si diresse verso il Municipio, in Via Italia. La maggior parte proveniva da Taverna Maratea e Taverna delle Rose, all’epoca due dei rioni più periferici e degradati di Battipaglia, ma presto si unirono a loro i negozianti e gli operai del centro: fu un vero e proprio tumulto.

Io, diciottenne, appoggiato al muro a fianco del portone dell’ex Palazzo Ragone in Via Roma, dove abitavo, osservavo quella folla minacciosa venir su e non riuscivo a rendermi conto di ciò che accadeva. Persone semplici e tranquille si erano trasformate all’improvviso in un’orda priva di controllo.

Il giorno successivo, in alcuni scontri con le forze dell’ordine morirono due persone, uccise accidentalmente dagli agenti impauriti per gli attacchi dei dimostranti. La manifestazione, infatti, fu pilotata ad arte da alcuni ignoti personaggi che non disdegnarono di coinvolgere anche gruppetti di ragazzini, attivi nel lanciare pietre contro la polizia.

Sino a quel momento non mi ero mai reso conto che qualcosa di serio non andasse per il verso giusto sia a Battipaglia sia nel nostro Paese. E ciò non tanto perché non vi fossero problemi da risolvere, ma perché non mi sembrava fossero frapposti ostacoli a una dialettica aperta e vivace purché seria e costruttiva. Anche a scuola dichiaravamo apertamente la nostra intenzione di trasformare e migliorare la società, senza che in questo fossimo minimamente scoraggiati dai professori. Anzi, al contrario.

Insomma, avevo l’impressione che non ci fosse bisogno di fare alcuna rivoluzione per cambiare in meglio. Gli scioperi scolastici dell’epoca raramente avevano motivazioni valide, se non il contestare per partito preso e il poter approfittare di una giornata di sole insieme ai compagni e alle compagne di classe.  

Ero un giovane di belle speranze: a scuola e nello sport me la cavavo bene, lavoravo nello studio fotografico dei miei genitori e anche nelle attività della Parrocchia ero ben considerato. All’epoca, poi, l’aspetto fisico era in second’ordine rispetto all’impegno, all’intelligenza e alle doti morali; e il fatto che non fossi alto e di bell’aspetto non mi penalizzavano.

Non essendovi altri luoghi di aggregazione, ci incontravamo nei locali dell’unica Parrocchia allora esistente, Santa Maria della Speranza. Fino a qualche anno prima eravamo costretti a giocare a pallone per le strade, segnando le porte con dei sassi. Il nostro incubo non erano le auto, perché non ne circolavano molte, ma i vigili urbani i quali, non avendo altro di meglio da fare, sistematicamente si dedicavano al sequestro dei palloni tra un fuggi fuggi generale dei ragazzini.

In quegli anni era attivo a Battipaglia un prete di origini vicentine, don Giuseppe Guglielmoni, formidabile organizzatore e catalizzatore di giovani, che fondò la polisportiva Spes e, con i contributi raccolti da alcuni diversi benefattori, fece costruire nei pressi del campo sportivo comunale S. Anna appositi campi di gioco per il calcio, il rugby, la pallavolo e la pallacanestro.

Nelle frequentissime occasioni d’incontro, dentro e fuori dalla Parrocchia, ci si parlava e ci si confrontava molto, essendo meno esposti agli influssi dei mass media rispetto ai giovani di oggi.

I nostri coetanei di sinistra, specie comunisti, anche se in minoranza, presentavano le loro tesi ben determinati e ostentavano grande sicurezza. Con affermazioni false o illogiche spesso zittivano noi giovani che simpatizzavano per la Democrazia Cristiana, all’epoca Partito di maggioranza. Infatti, molti di noi non potevano rinunciare al richiamo ai valori cristiani, della cui validità morale si era arciconvinti.

Rammento che i nostri amici di sinistra sostenevano in maniera convinta le tesi che venivano loro inculcate dai capi attivisti: “Nel duemila la Chiesa cattolica non esisterà più!”. La storia ha dato ragione della loro stupidità, oltre che della loro mala fede. Sinora non è scomparsa la Chiesa cattolica, ma il Comunismo che loro propagandavano; prima nell’Unione Sovietica, poi altrove.

Meno male che ai giorni nostri s’è pervenuta alla denuncia, almeno dal punto di vista culturale, anche del liberismo e del consumismo e dei loro devastanti effetti.

All’opposto, i giovani di destra erano ancora irragionevolmente legati al fascismo e alle vicende dei loro padri, senza che se ne potesse discutere. E sebbene per lungo tempo furono una minoranza, nelle frequenti occasioni di scontro fisico con quelli di sinistra erano addestrati a battersi con gli avversari con altrettanta veemenza.

Noi moderati, pur lamentandoci che molti dei rappresentanti della Democrazia Cristiana non erano né democratici né soprattutto cristiani, difficilmente partecipavamo alla vita politica, verso cui provavamo disgusto. Ora che ho sessant’anni posso dire che, nonostante le tante elezioni cui ho partecipato, in rarissime occasioni ho espresso un voto del tutto convinto. Nella maggior parte dei casi mi sono dovuto accontentare di scegliere, in un quadro alquanto sconfortante, il male minore! Finita l’epoca del boom economico, infatti, molti più furbi entrarono in politica non per il bene comune ma per sistemarsi economicamente e per tutelare gli interessi di pochi individui. Fenomeno poi acuitosi nel tempo.

Intanto, sottile, subdolo e finemente guidato, si era cominciato a sviluppare un altro fenomeno destabilizzante che, a mio avviso, è stato quello che nel tempo ha contribuito di più alla progressiva crescita della sinistra nel nostro Paese: lo sviluppo di costumi sempre più libertini. Ho sempre sostenuto, infatti, con un’immagine penso efficace, che per togliere gli italiani da sotto le tonache nere che allora indossavano i preti, gli uomini di cultura di sinistra pensarono molto intelligentemente di metterli sotto quelle delle donne.

All’epoca la promiscuità fra i sessi era veramente limitata e la castità dei costumi che si volevano proporre come modello era alquanto esagerata.

A scuola, quando si studiava il corpo umano, dalle gambe si passava direttamente al busto: ho impiegato del tempo, e non a scuola, per capire cosa avessero le donne fra il busto e le gambe!

L’opposto di quanto avviene oggi. Lo stimolo erotico esagerato annulla, copre e sovrasta ogni altro valore, persino la tutela dei bambini, della gioventù e della famiglia, prima cellula della società. E ciò solo in vista del mero interesse economico!

In quegli anni, nella cinematografia, prima si diffuse la visione del nudo integrale, poi quella di scene di sesso esplicito, poi della violenza più inaudita. Progressivamente si accompagnò la proliferazione della pornografia, non più come fenomeno riservato e ristretto a pochi, ma come prodotto proposto al pubblico generalizzato di tutte le età.

Le abitudini di vita della massa furono progressivamente dirottate verso modelli non coerenti con quelli proposti dalla Chiesa cattolica, provocando la dissociazione di molti dagli ideali di vita cristiani. Negli ultimi cinquant’anni, infatti, si è avuto nel nostro Paese un notevole calo del numero dei cattolici praticanti.

Un grande errore, che sta ancora manifestando i suoi effetti, fu quello di non proporre un modello etico che sostituisse o affiancasse gli ideali religiosi del tempo: si scivolò molto rapidamente da una società con elevati valori morali a una priva di ogni riferimento culturale o morale. Non nuovi ideali, ma assenza di valori, in un’assurda e deleteria relatività che rese possibile, ammissibile e giustificabile ogni cosa, purché diretta al soddisfacimento dei propri bisogni esclusivi; senza alcun riferimento al rispetto delle prerogative degli altri.

In quegli anni m’iscrissi all’Università: dire che era un casino è poco! Le lezioni e soprattutto le sessioni di esame spesso saltavano per scioperi, occupazioni e assenze varie dei professori. Per presentare una banale domanda in Segreteria si era costretti a fare lunghissime attese; ma c’erano anche molti furbi che non disdegnavano di utilizzare scorciatoie. Quando si tenevano le assemblee, se si chieda di parlare per sostenere una tesi fuori dal coro, toglievano letteralmente il microfono dalla bocca! Ben presto si diffuse la moda del “sei politico” (il diciotto all’Università), che significava diritto alla promozione per tutti a prescindere dalla preparazione.

Non mi ci ritrovavo in quel bailamme e dopo aver sostenuto seriamente una quindicina di esami presi la mia solenne decisione: “a questo cesso di Università ci rinuncio; e se mi vorranno vedere laureato, la laurea me la dovranno concedere honoris causa. Fu una decisione avventata. Mai alcun ateneo nel tempo ha mai lontanamente pensato che io fossi meritevole di una laurea honoris causa. Oggi ho addirittura cambiato opinione: con tutte le lauree honoris causa impropriamente e largamente distribuite negli ultimi tempi, se anche fossero così pazzi da concedermela, la rifiuterei. Anzi rifiuto sin d’ora qualsiasi titolo e voglio essere semplicemente il signor “nessuno”. In questa nostra ingiusta società preferisco essere uno scarto piuttosto che uno dei decorati che ha partecipato alla disastrosa campagna messa in atto!

Il ’68 ha poi continuato a imperversare negativamente nella mia vita lavorativa.

Non solo perché ancor oggi ne paghiamo le conseguenze collettivamente: alle classi di potere contestate, si sono progressivamente sostituiti rappresentanti molto più indegni e deleteri di quelli rovesciati a quel tempo. Ovviamente non mi riferisco a chi onestamente si è costruito il proprio futuro, ma a quelle mezze figure che, senza la politica, gli imbrogli e la prostituzione, non sarebbero mai andate da nessuna parte!     

Ma anche perché nel 1976, sulla spinta rivendicativa della CGIL e dello slogan “siamo tutti uguali”, subii una ristrutturazione delle carriere in cui, senza alcuna motivazione logica o professionale, mi ritrovai ad essere declassato gerarchicamente rispetto ad altri colleghi solo in virtù dell’anzianità di lavoro. Ci vollero più di quindici anni perché, considerati i guasti, gli slogan sindacali si modificassero dal “siamo tutti uguali” a favore del premio all’impegno e alla produttività. Tuttavia, poiché non è facile misurare l’impegno e la produttività dei singoli, ho sempre avuto il segreto sospetto che molte delle stesse persone che si erano giovate del “siamo tutti uguali” sostenessero il nuovo slogan perché, essendo progredite in carriera, potessero beneficiassero di stipendi ben più differenziati delle categorie di cui non facevano più parte!

Questo un resoconto sintetico del mio ’68. Il giudizio su se lo abbia vissuto solo io in questa maniera, lo lascio ai posteri.

 

Settembre 2010 (rivisto il 18 giugno 2014)

 

HOME         Pagina iniziale